01-10-16 Cantori Gregoriani - Amici della Musica Oleggio

Vai ai contenuti

Menu principale:

01-10-16 Cantori Gregoriani

Foto Gallery
Con l'Inno "Adoro te devote" i magnifici Cantori Gregoriani di Cremona concludevano l'itinerario di fede scandito sul "Credo" e le volte della Basilica di San Michele, letteralmente gremita (alcuni presenti non hanno potuto trovare posto a sedere nonostante le diverse decine di sedie aggiunte ai banchi della chiesa) accoglievano e ampliavano la parte finale del concerto che, sabato scorso 1° ottobre, aveva presentato antiche forme di canto dei monaci ritrovate manoscritte e risalenti ai secoli X° e XI°. Il caloroso e prolungato applauso del pubblico veniva poi ricompensato con un "bis" di grande bellezza - Salve Regina - abbastanza sorprendente, almeno per i non specialisti, che suggellava la straordinaria serata promossa come da tradizione dalla Parrocchia e dall'Amministrazione comunale e organizzata sotto il profilo musicale ed esecutivo dagli Amici della Musica. Ogni momento dell'itinerario di fede veniva brevemente commentato dal Maestro Fulvio Rampi, docente di Prepolifonia al Conservatorio di Torino, e in tal modo gli ascoltatori potevano seguire appieno i testi latini che i sei specialisti sotto la guida di Fulvio Rampi declinavano con estrema chiarezza a conferma di una lunga ed accurata preparazione. In sostanza non si avvertiva la mancanza del "contrappunto", che invece è elemento basilare della musica moderna, intendendo per moderna la musica degli ultimi 600 anni, in quanto tutti i presenti erano letteralmente rapiti dai 21 brani di canto gregoriano (pertanto senza polifonia) che via via venivano presentati. Alla fine del concerto si notava chiaramente in molti (anche non "intenditori") la sensazione di aver presenziato ad un rito che ricalcando esattamente quello che probabilmente 900 o 1000 anni fa si officiava nella stessa Basilica apparteneva alla categoria delle cose straordinarie che si ricorderanno a lungo. L'altro commento che si ascoltava più tardi nel corso del rinfresco rifletteva sostanzialmente ciò che aveva appena detto il Vice Sindaco Baldassini nel portare il saluto della Municipalità all'inizio della serata osservando le oltre 150 persone che avevano sfidata la pioggia e le pessime previsioni, e cioè che quando l'offerta musicale è solida e di grande qualità la nostra Città non è seconda a nessuno nel predisporre, organizzare, realizzare e attirare pubblico in momenti di ampio respiro culturale.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu